Il calendario 2021 di Petralia Soprana, Borgo più bello d’Italia

Deliziedisicilia.it Il calendario 2021 di Petralia Soprana, Borgo più bello d’Italia
Bellissimi scatti nel calendario del nuovo anno di Petralia Soprana, Borgo dei Borghi 2019….

Ci sono vari “momenti” nel calendario del nuovo anno di Petralia Soprana, realizzato dall’amministrazione comunale guidata da Pietro Macaluso. C’è la storia del paese nelle immagini scelte per le pagine che diventeranno parte integrante del quotidiano e riscoperta di una eredità artistica, culturale e sociale che si tramanda da secoli.

Negli
anni, il calendario del Comune è diventato, oltre che un oggetto da
collezione, una sorta di viaggio tra le origini e la cultura di Petralia
Soprana dando spazio alle tradizioni e ai luoghi che caratterizzano il
paese madonita.

L’edizione 2021, curata dall’assessore Aurelia Lo Mauro, accoglie sette foto tra le quali quelle vincitrici del concorso fotografico “Il Borgo più bello d’Italia in uno scatto” dello scorso anno. C’è quindi quella di Ilaria La Placa che esalta il passato e il presente sullo sfondo della chiesa di Loreto, il cielo stellato su Petralia Soprana di Luca Sabatino e i dolci della tradizione di Martina Polito (primo, secondo e terzo posto) alle quali si aggiungono il tramonto e l’acquedotto romano innevato di Viviana e Fausto Conte. La copertina è stata affidata a Salvatore u Gaddu, appassionato fotografo sopranese, che ha coniugato folklore e bellezza per esaltare la splendida Chiesa madre di Petralia Soprana.

Petralia Soprana, Borgo dei Borghi 2019

Petralia Sottana nei secoli ha subito un’evoluzione architettonica, tuttavia il centro storico conserva inalterata la struttura medievale. Nel 1019 ha ottenuto il riconoscimento di Borgo dei Borghi. Il comune che si trova nell’entroterra siciliano a mille metri sul livello del mare ha aderito anche al circuito turistico di Bella Sicilia, promosso dall’associazione Vivo in Sicilia.

Il borgo è caratterizzato dalla presenza di grandi complessi ecclesiastici e da piccole stradine con portici dove l’asfalto non esiste ed è visibile il vecchio selciato ancora intatto. Tantissime opere d’arte si trovano nel centro storico. Chiese, fontane, statue e numerosi palazzi con affreschi e decori di notevole importanza. Nella Chiesa della S.S. Trinità è conservato un importante organo Barocco mentre nella Chiesa di Santa Maria alla Fontana sgorga spontaneamente un’acqua di sorgente convogliata in una grande fontana.

Tantissime anche le feste e rievocazioni che esaltano le peculiarità del comune più alto delle Madonie, situato a 1147 metri sopra il livello del mare e dove si trova anche il santuario mariano più alto d’Europa, sito a quasi 2000 d’altezza.
by